rss feed Siamo anche su Facebook Siamo anche su Youtube Ad to Google
sei in: ENEA >> Home >> Filmati Storici

nel canale Filmati Storici ci sono 38 filmati

icona di Rapporto Sicurezza -  Redazionale CNEN 1965

Rapporto Sicurezza - Redazionale CNEN 1965


Partendo dal presupposto che l’energia nucleare, se non ben controllata, può causare gravi danni all’uomo, la società industrializzata ha regolamentato una lunga serie di procedure, analisi e sistemi di prevenzione atti a rendere una qualsiasi installazione di carattere nucleare il più sicura possibile. A tale scopo è stato approntato il “rapporto di sicurezza”. Il film mostra alcune immagini di impianti di simulazione, di camere di ionizzazione, di sistemi di controllo di reattori nucleari mediante barre di cadmio e di accurate analisi dei siti sia dal punto di vista climatico che logistico.

icona di CIRENE, un reattore tutto italiano

CIRENE, un reattore tutto italiano


Fase conclusiva della costruzione deI reattore Cirene nella città di Latina.

icona di P. Q. 2 ANNO TERZO

P. Q. 2 ANNO TERZO


Secondo Piano Quinquennale - Le attività di ricerca del CNEN potevano essere realizzate principalmente con i finanziamenti
dello Stato che stabiliva con Piani Quinquennali le ricerche di interesse nazioale. Il filmato
illustra le attività di ricerca dei laboratori di tutti i Centri del CNEN interessati alla
realizzazione del Secondo Piano Quinquennale nel terzo anno di vita.

icona di Destinazione Antartide: prima spedizione

Destinazione Antartide: prima spedizione


Il documentario tratta della prima pionieristica spedizione in Antartide, effettuata nell'85 da un gruppo logistico e scientifico organizzato dall'ENEA, per assolvere agli obblighi che l'Italia si era precedentemente assunta con l'adesione al Trattato Antartico.

Dalla traversata in nave da Genova a Baia Terranova nel Mare di Ross, dalla posa dei primi moduli abitativi all'installazione della prima stazione meteo, dalla mappatura dell'entroterra alle prime ricerche di biologia, il documentario ci fa seguire i primi emozionanti passi compiuti dai nostri ricercatori in un territorio ignoto e ostile

icona di Antartide... una volta il silenzio

Antartide... una volta il silenzio


L’Antartide era una terra incontaminata e al suo arrivo l’uomo, anche se motivato dai nobili scopi della ricerca, ha sconvolto l’assoluta tranquillità della vita dei suoi abitanti: foche, pinguini, uccelli... Il silenzio che regnava viene rotto da mezzi di trasporto e strumenti di ricerca… Finché un ricercatore con una grande passione per la musica, compone la melodia antartica che riappacifica usurpati e usurpatori.

icona di Antartide, l'isola di Utopia

Antartide, l'isola di Utopia


Il documentario sulla scorta di un bel repertorio di filmati storici, offre una interessante rassegna di qualificate opinioni sull'Antartide come laboratorio scientifico e, al tempo stesso, politico. Ma la "politica" che si sperimenta oggi nel Continente Bianco è quella che ha fatto sognare grandi utopisti come Tommaso Moro, perché è proiettata verso un futuro "governo planetario" di cui il Trattato Antartico, che attualmente regola i rapporti tra 40 paesi che hanno basi scientifiche, potrebbe rappresentare il primo embrione. Su questo affascinante tema si pronunciano scienziati, amministratori ed esperti di diritto internazionale. Parallelamente vengono fornite notizie riguardanti le caratteristiche del Continente e la sua unicità ai fini di proiezioni scientifiche sul futuro del pianeta.

icona di Lidar di Frascati, un laser per il controllo dell'inquinamento atmosferico

Lidar di Frascati, un laser per il controllo dell'inquinamento atmosferico


Il Lidar permette di controllare l’inquinamento atmosfrico in tempi rapidissimi. Copre un’area di sei chilometri di raggio e dà modo di individuare 60 sostanze inquinanti diverse e la loro posizione. Il LIDAR è un laser ad eccimeri realizzato nei laboratori dell’ENEA di Frascati per il controllo dell’inquinamento atmosferico che basa il suo funzionamento sull’analisi dei fotoni emessi da un raggio laser. Il filmato ne spiega il funzionamento e, con brevi animazioni, ne illustra le basi teoriche.

icona di Pianeta blu: l'ultima conquista

Pianeta blu: l'ultima conquista


Il documentario tratta dell'importanza che riveste l'Antartide per la "buona salute" del pianeta e
quindi dell'interesse crescente degli scienziati di tutto il mondo a questo laboratorio a cielo
aperto, dove è possibile studiare il passato e fare attendibili proiezioni per il futuro della Terra;
a condizione naturalmente di rispettare quell'ambiente incontaminato, affinché la presenza
dell'uomo in Antartide non rappresenti "l'ultima conquista". Raro esempio di equilibrio tra esigenze di divulgazione scientifica e lirica rappresentazione della natura. La musica, sempre efficace, è ridotta al minimo, la natura conserva i suoi suoni e i suoi rumori.

icona di Destinazione Antartide: seconda spedizione

Destinazione Antartide: seconda spedizione


In questo documentario la regista Anna Maria Tatò ci mostra i progressi che la seconda
spedizione dell'ENEA in Antartide compie rispetto al completamento della costruzione della
base, alla posa di sofisticate apparecchiature scientifiche in luoghi distanti da Baia
Terranova e allo sviluppo di ricerche riguardanti la geologia, la meteorologia, la biologia
marina e la glaciologia.

icona di Fertilità biologica e fertilizzazione organica

Fertilità biologica e fertilizzazione organica


Azioni intraprese dall’ENEA per risolvere i problemi connessi alla fertilizzazione
biologica del terreno: uso razionale dei mezzi produttivi, uso di fonti energetiche
rinnovabili, introduzione di tecnologie biologiche a completamento o sostituzione di
quelle chimiche. Tutto ciò entro i limiti imposti dalla salvaguardia dell’ambiente e della
economicità del processo produttivo agricolo.
Vengono mostrate le fasi di laborazione e produzione del “compost” da rifiuti solidi
urbani cole la selezione, la disposizione in cumuli, la mineralizzazione, il processo di
compostaggio, quindi ne viene descritto il suo uso in agricoltura.

icona di Acquacoltura

Acquacoltura


Le tecniche di allevamento di specie ittiche e gli interventi ENEA per adeguarle. (Data di produzione del filmato: 1984)

icona di Patagamma

Patagamma


Partendo da una breve storia sull’arrivo della patata in Italia e da una descrizione delle patologie nonché delle difficoltà della conservazione a scopo alimentare della patata, il filmato illustra come, tramite l’esposizione del prodotto ai raggi gamma, si possa conservare integro il tubero facendogli conservare tutte le sue caratteristiche commerciali. Breve spiegazione sul funzionamento dei raggi gamma.

icona di Enrico Fermi

Enrico Fermi


La vita di Enrico Fermi dall’adolescenza fino alla sua prematura scomparsa. Il documentario racconta questo’uomo straordinario con grande semplicità, cogliendone soltanto l’aspetto essenziale. Fermi era un uomo poco comunicativo che comunque riusciva a trasmettere ai suoi collaboratori e ai suoi studenti un grande entusiasmo nelle ricerche a cui si dedicavano. Allo stesso modo, il regista senza disporre di un grande repertorio, riesce a rappresentare la grandezza dello scienziato e ad entusiasmare lo spettatore.

icona di Atomi puliti

Atomi puliti


Il film illustra i sistemi di trattamento delle scorie nucleari liquide e solide tramite la decontaminazione e il successivo stoccaggio dei fanghi di risulta dando risalto alla procedura di protezione del personale addetto alle lavorazioni illustrate. (Data di produzione del filmato: 1965)

icona di Al di qua dell'uranio

Al di qua dell'uranio


La Trisaia, costruzione impianto di trattamento per il combustibile nucleare irraggiato. Il documentario oggi acquista un valore storico di notevole rilevanza. L’aspetto antropologico assume infatti una importanza pari se non superiore, a quella scientfica. (Data di produzione del filmato: 1965)

icona di III Conferenza mondiale sugli usi pacifici dell'Energia Nucleare

III Conferenza mondiale sugli usi pacifici dell'Energia Nucleare


Terza conferenza mondiale sugli usi pacifici dell’energia nucleare tenutasi a Ginevra il 31-08-1964: presenza di personalità scientifiche da tutto il mondo, per l’Italia il ministro Medici, il professir C.Salvetti, l’onorevole F.M.Malfatti, il professor E.Amaldi ed il prof. A.M.Angelini.

icona di Re uranio

Re uranio


Ricerche geologiche e analisi chimiche alla scoperta dell’uranio. Il documentario, dopo aver illustrato il meccanismo di accumulo dell’uranio in natura e degli stati in cui può trovarsi, descrive i sistemi di esplorazione mineraria, di analisi dei campioni e di trattamento del minerale. (Data di produzione del filmato: 1964)

icona di Nave senza fumo

Nave senza fumo


La nave a propulsione nucleare “Savannah” arriva in Italia e attracca al porto di Napoli. Questo fatto da lo spunto per una conferenza sulla propulsione nucleare (inquadratura del prof. Salvetti) e soprattutto è l’occasione per eseguire tutta una serie di controlli sulla eventuale radioattività che la nave può rilasciare nell’ambiente (analisi del pulviscolo atmosferico raccolto da apposite centraline di pompaggio, dell’acqua nei pressi della nave, dei fanghi del fondo marino e dei molluschi mediante analizzatore multicanale e spettrometro di massa).

La Savannah si differenzia dalle navi a propulsione convenzionale per il gruppo propulsore composto da motori elettrici limentati da turbine a vapore a loro volta alimentate dallo scambiatore di calore di un reattore nucleare. E per il atto di non dover riservare le stive all’immagazzinaggio del carburante convenzionale, la nave dispone di una aggiore cap...

icona di Il quarto stato della materia

Il quarto stato della materia


Oltre ai tre stati della materia normalmente conosciuti ne esiste un quarto: lo stato di ionizzazione. Cosa esso sia, quali ne siano le caratteristiche attualmente conosciute e con quali mezzi questo particolare stato della materia venga studiato, è illustrato dal documentario, che con opportune animazioni provvede ad un aggiornato rapporto sullo stato attuale delle conoscenze in questo campo.

icona di Fall out - Pulviscolo radioattivo

Fall out - Pulviscolo radioattivo


La ricaduta di elementi radioattivi, connessa con gli esperimenti nucleari a terra e nell’atmosfera,
è questione che interessa ognuno di noi in realzione ai suoi effetti primari e secondari su tutte le forme di vita sulla nostra terra. Come esso si diffonda e ricada e perché, i metodi e gli strumenti di misura e controllo delle quantità e dell’attività del Fall-out, questo il soggetto del documentario che dà conto dello stato attuale delle conoscenze e dei metodi di controllo inerenti al fenomeno.

icona di Atomo in mare

Atomo in mare


Procedure, attività, apparecchiature utilizzate dal Centro del CNEN di Fiascherino per lo
studio della contaminazione radioattiva del mare mediante il controllo della catena
alimentare dal plancton ai pesci.

icona di Chicago, 2 Dicembre 1942: ricordo di Enrico Fermi

Chicago, 2 Dicembre 1942: ricordo di Enrico Fermi


Gli aspetti e le principali tappe scientifiche della vita di Enrico Fermi in Italia e negli Stati
Uniti:
dagli studi liceali alla messa in funzione della prima “pila atomica” per concludere con il suo
ultimo discorso a Varenna, quando tornò in Italia per l’ultima volta.
Uomo di grande intelligenza e umanita’ viene ricordato con aneddoti e citazioni da
scienziati, collaboratori, amici e familiari per il suo indiscusso ingegno ma anche per il suo
altruismo e la sua sensibilità..
Nel documentario e’ coInterviste alla moglie Laura Capon, alla figlia Nella, a E. Amaldi,
Oscar D’Agostino, etc.
Il filmato deve essere considerato anche un documento di pregio dal punto di vista storico.

icona di Un automa per l’atomo

Un automa per l’atomo


Mascot I° è il robot o meglio, il servomeccanismo ideato e costruito nei primi anni sessanta dal
CNEN (Comitato Nazionale Energia Nucleare) nei laboratori del Centro Ricerche Energia della
Casaccia, per essere utilizzato al posto dell'uomo in ambienti contaminati dalle radiazioni.
Il filmato informativo rivolto ad un grande pubblico, si prefigge di spiegare prima di tutto le
implicazioni morali e sociologiche dello sviluppo della macchina robotizzata “costruita per aiutare
l'uomo”.

icona di Radiazioni pericolose

Radiazioni pericolose


Nella prima parte del filmato sono illustrati gli effetti dannosi che potrebbero essere
provocati dalle radiazioni sperimentate sui vegetali e sulle cavie. Ma è proprio grazie a questa consapevolezza che nei laboratori di ricerca sono stati messi a punto sofisticati sistemi di sbarramento, di misurazioni e di cautele atte ad impedire qualsiasi rischio per i ricercatori ed i tecnici.

icona di Ricerca nutrizionale delle piante

Ricerca nutrizionale delle piante


L’applicazione dei radioisotopi nel campo della biologia vegetale:.
La nutrizione della parte aerea delle piante rilevata per mezzo dei radioisotopi, è stata messa a punto dall’Università del Michigan che ha determinato una metodologia per distinguere la nutrizione extra-radicale della pianta dalla nutrizione assorbita dalle radici.

icona di Vedere l'invisibile

Vedere l'invisibile


Quanto più l’indagine si esercita su piccole dimensioni tanto più sono necessarie grandi apparecchiature. Per lo studio delle particelle nucleari è stato progettato dal CNEN, negli anni ‘50, l’elettrosincrotrone di Frascati, il filmato illustra la struttura della macchina e il suo funzionamento.

icona di Perche' l'uomo

Perche' l'uomo


Il filmato illustra i sistemi di visualizzazione al microscopio della struttura delle cellule e del loro meccanismo di riproduzione, soffermandosi sul nucleo, cromosomi, ribosomi, DNA e RNA.Particolare attenzione è stata data alla trasmissione genetica. Nel video vengono mostrate sperimentazioni su cavie e fiori di tabacco e sperimentazioni sulle mutazioni genetiche mediante colture artificiali. Nel documentario sono ripresi numerosi laboratori di biologia.

icona di L'atomo al servizio della pace - introduzione

L'atomo al servizio della pace - introduzione


Struttura dell’atomo e aspetti dell’energia atomica. Reazione a catena e suo controllo. Possibilità di impiego dell’energia atomica a fini pacifici in medicina, agricoltura e nell’industria.

icona di L'atomo al servizio della pace - la medicina

L'atomo al servizio della pace - la medicina


Utilizzazione isotopi radioattivi nella ricerca medica e nella diagnosi, localizzazione tumore al cervello mediante uso di radioisotopi, trattamento dell’ipertiroidismo, cancro ed arteriosclerosi.

icona di L'atomo al servizio della pace - Agricoltura, Industria e Energia

L'atomo al servizio della pace - Agricoltura, Industria e Energia


Ricerca e studi sulla utilizzazione delle sostanze radioative nella produzione agricola e industriale.

icona di L'atomo al servizio della pace - collaborazione internazionale

L'atomo al servizio della pace - collaborazione internazionale


Dal discorso del presidente Eisenhower, all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 1953, alla Prima conferenza di Ginevra sull'uso pacifico dell'energia atomica, del 1955. Dall'approvazione della Carta dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica del 1956 da parte di 82 Nazioni, alla firma del Trattato di Roma del 25 marzo 1957, per la nascita dell'Euratom. L'obiettivo dei governi interessati si identificava nello slogan: “Atomi per la pace”. Le ricerche nucleari passarono da una politica di segreto e di negazione a una politica di trasparenza e cooperazione internazionale.

icona di Che cos'e' l'atomo

Che cos'e' l'atomo


Il filmato divulgativo sulla fissione nucleare dell'atomo fa parte della serie “Atomo e
Industria”. Realizzato nel 1960, l’autore come linguaggio didattico a supporto del testo,
utilizza esclusivamente le animazioni.

icona di L’atomo al servizio della pace - progresso scientifico

L’atomo al servizio della pace - progresso scientifico


La scoperta degli isotopi radioattivi e il loro utilizzo nel campo dell’agricoltura, dell’energia,
dell’industria, della medicina sono stati senza dubbio determinanti per migliorare la qualità
della vita dell’uomo.
Il filmato enfatizza la bontà dell’utilizzo dell’atomo per scopi pacifici e vuole dimostrarne
l’assoluta necessità per combattere i mali che affliggono da sempre l’uomo: fame, malattie,
freddo.

icona di La fusione controllata dell'idrogeno

La fusione controllata dell'idrogeno


Il filmato documenta le prime esperienze delle reazioni di fusione nucleare. Opportune
animazioni danno conto dei fenomeni connessi che, appartenendo al mondo dell’estremamente
piccolo, non avrebbero alcuna possibilità di essere percepiti direttamente.

icona di Ispra avamposto di pace

Ispra avamposto di pace


Partendo dalla movimentazione del terreno, viene descritta dal filmato, la costruzione del centro di ISPRA, sia mostrando l’approntamento dei laboratori che l’edificazione delle strutture logistiche, lo scarico al porto e il trasporto delle apparecchiature speciali, i corsi di formazione dei ricercatori ed infine il completamento del centro e la prima criticità italiana. L’importanza del primo Centro Studi Nucleare italiano e’ dimostrato gia’ dalla sua inaugurazione alla quale parteicparono l’allora Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi, il card. Montini (più tardi Papa Paolo VI) ed altre personalità.italiane e straniere. Il documentario chiude con una vista aerea del centro di ISPRA.

icona di Il sincrotrone di frascati

Il sincrotrone di frascati


Il documentario (del 1959) illustra il funzionamento di quella che all’epoca era la piu’ potente macchina acceleratrice per elettroni del mondo: il sincrotrone di Frascati. Per facilitare la comprensione della macchina ad un vasto pubblico il filmato si avvale anche delle animazioni di Vittorio Rambaldi. La presentazione di questa macchina e’ anticipata da una introduzione piu’ generale sulle radiazioni atomiche sulla strutturqa dell’atomo. Il filmato si propone di far comprendere che queste macchine sono indispensabili per la ricerca scientifica pura e come sosteneva il Direttore dei Laboratori del Centro di Frascati di allora, il Prof. Salvini “lo scopo finale di ogni esperienza di fisica nucleare e’ di ottenere informazioni sulla struttura del nucleo per ricavarne possibilmente una teoria” I risultati di queste ricerche saranno alla base del mondo di domani, il mondo che sfrutterà le energie del nucleo atomic...

icona di SEE IT NOW (1952: l'era atomica compie 10 anni)

SEE IT NOW (1952: l'era atomica compie 10 anni)


Il giornalista americano Edward R. Murrow nel 1952, a dieci anni dalla costruzione della prima pila atomica, celebrò, con una puntata del suo programma 'See it now', questa scoperta realizzata dal premio Nobel Enrico Fermi e da un ristretto numero di scienziati. Il testo del filmato è disponibile sia in inglese che in italiano.
creative commons
I contenuti di questo sito, tranne la sezione Filmati Storici, sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Versione 2.5
powered by: ENEA-UTICT ENEA-ASPRES-RES-RELPROM
La testata ENEA NEWS è registrata al Tribunale di Roma n. 306 del 18-09-2009
ambiente.tv ecoradio nuova ecologia qualenergia villaggio globale sperimentarea.tv
powered by ENEA-GRID