rss feed Siamo anche su Facebook Siamo anche su Youtube Ad to Google
sei in: ENEA >> HOME >> Nucleare >> 14 european fusion theory conference

14 European Fusion Theory Conference

Luogo: Frascati
Data: 25/10/2011
Canale: Nucleare
Autori: R. Ciardi, L. Moretti

I laboratori dell’ENEA di Frascati sono stati scelti come sede della 14^ conferenza europea sulla Fusione Nucleare, organizzata dall’Associazione EURATOM/ENEA. Un forum di discussione ed occasione di confronto internazionale sullo stato dell'arte della ricerca sulla fusione nucleare.

I laboratori dell’ENEA di Frascati sono stati scelti come sede della 14^ conferenza europea sulla Fusione Nucleare, organizzata dall’Associazione EURATOM/ENEA.
 
A rappresentare ufficialmente l’Italia nel programma sulla fusione dal 1958, quando a Roma furono sottoscritti gli impegni europei per l’Euratom, è l’ENEA che coordina attraverso specifici accordi con altri organismi di ricerca nazionale, tutti gli studi nel settore, con l’obiettivo di sviluppare tecnologie che consentano di ottenere una sorgente di energia sostenibile, sicura, competitiva ed illimitata. 
 
La fusione. Quel processo che alimenta sole e stelle che in ENEA si studia da anni, è alla base della vita del nostro pianeta e rappresenta una grande e ragionevole speranza.
 
ALESSANDRO CARDINALI – ENEA
“Il gruppo teorico di Frascati ha un’esperienza trentennale, anche oltre trentennale su problematiche di teoria di fisica dei plasmi, anche fusionistici soprattutto per quanto riguarda lo studio delle instabilità indotte da particelle veloci, le interazioni di onde elettromagnetiche con i plasmi, plasmi confinati magneticamente e tutta la problematica del riscaldamento addizionale dei plasmi Tokamak e soprattutto una grossa esperienza nell’ambito delle applicazioni del calcolo numerico” 
 
La conferenza si è rivelata un vero e proprio forum di discussione ed occasione di confronto internazionale che ha riguardato tutti gli studi teorici sulla fusione; in particolare, è emerso che una notevole spinta alla soluzione di problemi complessi e’ venuta dall’utilizzo di strumenti di calcolo numerico sempre più potenti.
 
Un momento di sostanziale cooperazione internazionale che, insieme a ricerca scientifica e a proposte sperimentali, come ITER e FAST, costituiscono, malgrado la crisi, le fondamenta del programma di ricerca europeo sulla fusione.

ANGELO TUCCILLO - ENEA
“Abbiamo fatto una proposta in ambito internazionale per un grosso esperimento che supporti Iter nella sua vita sperimentale e scientifica nei prossimi anni. L’aspetto scientifico è condiviso da una larghissima parte dei nostri colleghi. In questi giorni si sta discutendo in Europa per la programmazione del prossimo piano finanziario europeo, stiamo lavorando su tutti i tavoli possibili, per portare a casa una proposta seria sperando che i partner europei condividano la necessità di questo esperimento nel futuro e soprattutto che la crisi economica attuale permetta di trovare i fondi per poter assolvere a questo compito.”

Ti è piaciuto il filmato? Votalo!!!

Guarda la lista completa dei Comunicati Stampa di ENEA

Altri filmati del canale

creative commons
I contenuti di questo sito, tranne la sezione Filmati Storici, sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Versione 2.5
powered by: ENEA-UTICT ENEA-ASPRES-RES-RELPROM
La testata ENEA NEWS è registrata al Tribunale di Roma n. 306 del 18-09-2009
ambiente.tv ecoradio nuova ecologia qualenergia villaggio globale sperimentarea.tv
powered by ENEA-GRID