rss feed Siamo anche su Facebook Siamo anche su Youtube Ad to Google
sei in: ENEA >> HOME >> Risparmio Energetico >> recupero energetico: il rapporto enea - federambiente

Recupero energetico: il rapporto Enea - Federambiente

Luogo: Roma - Sede Centrale Enea
Data: 26/10/2006
Canale: Risparmio Energetico
Autori: F.Caldani, M.Maffioletti

Presentato il Rapporto ENEA-Federambiente. i risultati dell’indagine evidenziano una riduzione delle emissioni gassose e del recupero energetico grazie all'evoluzione tecnologica degli impianti. Messi a punto nei centri di Casaccia e Trisaia sperimentazioni e tecnologie innovative per la tutela ambientale.

Speaker:

È stata presentato, a Roma, il 26 ottobre, presso la sede centrale dell'ENEA, il Rapporto ENEA-FEDERAMBIENTE dedicato alla gestione integrata e sostenibile dei rifiuti in Italia.

Uno strumento questo di consultazione, che offre una fotografia chiara del nostro paese, sull'attuale parco degli impianti di recupero energetico dei rifiuti di origine urbana.

Dall'indagine, infatti, emerge che grazie, soprattutto, all'evoluzione tecnologica si è ottenuta una riduzione nel tempo delle emissioni gassose e del recupero energetico.

La nostra intervista a Daniele Fortini, Presidente Federambiente:

"L'immagine che esce del nostro Paese dall'indagine compiuta da ENEA e Federambiente nel rapporto sullo stato dell'incenerimento dei rifiuti urbani in Italia è confortante per due ragioni: la prima è che l'efficienza energetica di questi impianti è compatibile ovvero comparabile con quella che generalmente si raggiunge in Europa. Il secondo dato confortante riguarda i valori delle emissioni in atmosfera rilasciate dalla combustione dei rifiuti, che sono tutte molto al di sotto del massimo consentiti dalle norme nazionali, che sono molto severe più severe di quanto non lo siano le direttive comunitarie.

Quali vantaggi reali, dunque, derivano dall'utilizzo degli impianti di recupero dei rifiuti?

"Dal punto di vista della salubrità del funzionamento di questi impianti, della salute dei cittadini e per la tutela del territorio, i valori che si sono raggiunti sono confortanti e tali per cui possiamo immaginare che il ricorso a questa tecnologia sia oggi una cosa assolutamente garantita e assicurata per la salute di ambiente e territorio".

Speaker:

L'importanza che viene conferita al recupero energetico dei rifiuti è considerata dunque un'attività sicura e soprattutto necessaria per superare la logica del conferimento in discarica.

Tema questo di grande attualità, che richiede un intervento immediato da parte di tutti gli operatori del settore, in vista anche della forte emergenza rifiuti nelle regioni del sud Italia.

Intervistato: Daniele Fortini, Presidente Federambiente:

"Siamo al di sotto del 10% nel mezzogiorno quando la media nazionale è del 21% a livello regionale del centro Nord si raggiunge il 36-37%.
Quindi soprattutto sviluppare le politiche della raccolta differenziata e il riciclaggio dei rifiuti nel mezzogiorno.
In un territorio così delicato e così pregiato come quello italiano ridurre il consumo del territorio con le discariche e valorizzare invece le tecnologie di cui disponiamo è la cosa intelligente da fare".

Speaker:

Opinione condivisa anche dal presidente di Legambiente, Roberto della Seta:

Intervistato Roberto della Seta, presidente di Legambiente:

"Le misure prioritarie per quanto riguarda il sud sono che i sindaci, le regioni del mezzogiorno devono capire e convincersi che la raccolta differenziata è il punto di partenza, inevitabile, irrinunciabile per una gestione moderna, efficiente sostenibile dei rifiuti".

Speaker:

A concludere il convegno l'intervento del Prof. Luigi Paganetto, Commissario Straordinario dell'ENEA, che ha sottolineato l'importanza di politiche volte ad incentivare la raccolta differenziata, rinnovando allo stesso tempo la disponibilità dell'ente a fornire le proprie competenze e capacità tecnologiche nel settore.

Nei centri di ricerca di Casaccia e Trisaia, infatti, i ricercatori ENEA hanno messo a punto tecnologie e sperimentazioni innovative, come i termovalorizzatori mobili, la pirolisi e i gassificatori, ritenute tecnologie anticipatrici di soluzioni successive applicate per il futuro e la tutela ambientale del nostro paese.

Ti è piaciuto il filmato? Votalo!!!

Guarda la lista completa dei Comunicati Stampa di ENEA

Altri filmati del canale

creative commons
I contenuti di questo sito, tranne la sezione Filmati Storici, sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Versione 2.5
powered by: ENEA-UTICT ENEA-ASPRES-RES-RELPROM
La testata ENEA NEWS è registrata al Tribunale di Roma n. 306 del 18-09-2009
ambiente.tv ecoradio nuova ecologia qualenergia villaggio globale sperimentarea.tv
powered by ENEA-GRID